...


Petilia Policastro: Abbatte abusivamente 10 alberi nel demanio regionale, denunciato

I Carabinieri forestali hanno individuato e denunciato il responsabile

Comunicato dei Carabinieri Forestali

Petilia Policastro, venerdì 07 Agosto 2020.

I Carabinieri
forestali hanno denunciato un uomo che aveva prelevato la legna ricavato
dall’abbattimento illegale di dieci alberi nel demanio forestale, nella
località Comunello del territorio di Petilia Policastro. L’uomo è stato
deferito alla Procura della Repubblica per furto aggravato e deturpamento di
bellezze naturali.

Non erano passati inosservati ai militari della stazione CC
Forestale Petilia Policastro l’abbattimento e il furto conseguente di alberi
all’interno del demanio regionale. I furti erano distribuiti nel tempo e nelle
località meno accessibili, con l’intento verosimilmente di passare inosservati.
Con l’ausilio di apparecchiature per la ripresa a distanza i militari,
tuttavia, sono riusciti ad individuare uno degli autori delle sottrazioni
illegali avvenute nella località Comunello del territorio di Petilia
Policastro.

Sono stati abbattuti, senza alcuna autorizzazione, 10
alberi delle specie castagno, acero, ontano nero, con altezza oltre i 20 metri.
La dinamica degli eventi era evidentemente ben studiata. In una prima fase si
abbattevano gli alberi. Poi si depezzavano in toppi in modo da rendere agevole
il carico e il trasporto. Infine, quando era possibile, avveniva il trasporto
tramite mezzi fuoristrada.

Il responsabile della condotta criminosa, un operaio di 39
anni del Petilino, è stato deferito alla Procura della Repubblica per furto
aggravato e deturpamento di bellezze naturali. Lo stesso soggetto era già stato
segnalato all’Autorità giudiziaria in passato per il medesimo reato.

L’azione dei carabinieri forestali ha consentito di
bloccare una condotta illegale, ancor più deprecabile perché perpetrata in una
fase storica in cui diventano sempre più sentite e condivise le azioni a tutela
dell’ambiente.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *