Torna a schierarsi dalla parte dei cittadini il movimento Crotone è dei crotonesi

La decisione riprende la scia di un’onda lunga, quella
delle battaglie per il nostro territorio che il movimento guidato da Pietro Infusino, figura storica
dell’ambientalismo cittadino, ha intrapreso dapprima con la realizzazione del
progetto “Eni a Capo Colonna per estrarre metano e petrolio” e la contestuale occupazione
simbolica del promontorio Lacinio del 25 settembre 2011 da parte
degli Attivisti Occupazione Impianto Eni: la multinazionale era pronta a
perforare nell’area archeologica di Capo Colonna. Due giorni dopo la
questione, prima d’esser avvolta nell’oblio, giunse finalmente in Consiglio
comunale e l’allora primo cittadino, Peppino Vallone, dovette ritirare gli atti
di concessione, in forma di autotutela. Non sono le uniche zone grigie contro
cui si è speso il movimento, sorto spontaneamente dall’impegno dello stesso
Infusino e di tanti crotonesi d’ogni età, talvolta di diverso sentimento
politico. Sempre a tutela della salute dei cittadini, come non citare la
pressante richiesta, quantunque inascoltata, di accelerare i tempi sull’annosa questione
della bonifica, certificata nella trasmissione Rai “Uno mattina” pure dalle
parole di
Stefano Laporta, presidente dell’Ispra (Istituto superiore per la protezione e
la ricerca ambientale); ancora, la divulgazione, e la dolente analisi, dei
risultati dello Studio Sentieri sono un altro emblema delle battaglie di Crotone è dei Crotonesi. Nel solco della
attenzione e salvaguardia dell’ambiente che ci ospita tutti, priorità sancita
anche dall’enciclica Laudato si’ dell’attuale
pontefice, nonché di una rinnovata attenzione per le sacche di marginalità che
purtroppo la nostra città conosce, il movimento (che a breve presenterà la
propria lista alla cittadinanza) ha deciso di convogliare il proprio appoggio
verso l’architetto Danilo Arcuri, affermato professionista e persona capace,
guidata dall’amore per la nostra città. La lista di Crotone è dei crotonesi ha scelto i propri candidati, come afferma
Pietro Infusino, “tra le migliori risorse umane che hanno deciso di spendersi
per il territorio”.

Spazio,
dunque, al mondo delle professioni, dell’ecologismo e degli animalisti; ma
anche a tanti giovani e studenti universitari che non intendono implementare la
fuga dei cervelli ma rimanere nella bellissima Crotone, già teatro dei loro
primi impegni. La nostra meglio gioventù.