...


Mesoraca: Sequestrato muro abusivo a villaggio fratta

Individuato dai carabinieri forestali in area soggetta a vincolo paesaggistico

Comunicato dei Carabinieri Forestali

Mesoraca, mercoledì 14 Ottobre 2020.

I Carabinieri
forestali hanno scoperto, nei giorni scorsi, un muro di contenimento abusivo a
Villaggio Fratta nel territorio del comune di Mesoraca. L’opera, in stato di
avanzata esecuzione, è stata posta sotto sequestro. La presunta responsabile è
stata deferita all’Autorità giudiziaria per violazione alla normativa edilizia
ed ambientale.

Nel corso di un servizio di controllo del territorio i
militari delle stazioni CC Forestale di Petilia Policastro e quelli di Crotone
hanno notato un muro di contenimento in conglomerato cementizio armato, di
recentissima esecuzione e privo della segnaletica prevista per i cantieri edili.
In seguito ad accertamenti effettuati presso l’ufficio tecnico comunale è
emerso che l’opera, avente uno sviluppo in pianta di circa 35 m, era priva di
titoli abilitativi legittimanti l’edificazione. È stata così posta sotto
sequestro per bloccarne il proseguimento della condotta illegale.

L’opera è stata eseguita su un’area di terreno di proprietà
comunale, data in concessione sessantennale ad un privato. L’area, per di più,
è soggetta vincolo paesaggistico.

Il titolare della concessione comunale sarebbe un cittadino
mesorachese residente fuori regione. Egli avrebbe, con una scrittura privata,
ceduto la concessione ad una donna ultraottantenne di Mesoraca. Sono in corso accertamenti
per verificare eventuali ulteriori responsabilità.

L’azione dei carabinieri forestali è volta a
rinforzare l’attività dell’Amministrazione comunale, titolare della vigilanza sull’attività
urbanistico – edilizia nel territorio per assicurarne la rispondenza alle norme
di legge e di regolamento, con l’obiettivo di rinvigorire il rispetto della
legalità, per consentire l’evoluzione sostenibile del territorio e prevenire il
consumo indiscriminato di suolo.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *