...


Al via il Campionato nazionale di Pallanuoto maschile di Serie B, la Rari Nantes Crotone, unica società calabrese iscritta nel girone 7

Lo rende noto Vincenzo Arcuri, presidente dell’A.S.D. Rari Nantes L. Auditore

La Redazione

Crotone, venerdì 19 Febbraio 2021.

Sabato 20 febbraio, inizierà il Campionato Nazionale di Pallanuoto maschile di SERIE B. La A.S.D. Rari Nantes L. Auditore, unica società calabrese iscritta, è inserita nel Girone 7, unitamente alla Cesport Napoli, Etna Waterpolo Catania, Brizz Nuoto Catania e Ossidiana Messina. La suddivisione a quattro gironi che ha sempre contraddistinto la Serie B, per il principio di prossimità territoriale da garantire in modo assoluto in un periodo come quello che stiamo vivendo, ha lasciato spazio ad una divisione a 8 gironi. Le prime due classificate, al termine delle 10 giornate previste, affronteranno i playoff per la promozione in Serie A incrociando le prime due del girone 8. Altresì le ultime due del girone incroceranno nei playout retrocessione le ultime due del girone 8.

La Rari Nantes L. Auditore ha chiesto ed ottenuto di poter usufruire del turno di riposo che spetta ad ogni singola squadra inserita in un girone a numeri dispari, ed esordirà sabato 06 marzo 2021 in quel di Catania contro la Brizz Nuoto.

“Fin qui il regolamento ed il calendario, di cui si potrà prendere visione nell’allegato. Si aggiunga che i ragazzi prima di ogni partita saranno sottoposti a tampone antigenico o molecolare, i cui risultati determineranno la partecipazione o meno alla partita del sabato.
Ci venga, adesso, consentito di rappresentare l’attuale posizione della società che presiedo.

I nostri ragazzi non vanno in acqua dal 24 ottobre 2020, taluni addirittura dal marzo 2020 (ultimo allenamenti pre Covid lockdown). E verosimilmente, a meno di autentici miracoli, parteciperanno alla trasferta di Catania senza entrarci (in acqua). Ci ritroveremo, con tutto il rispetto, come quando ci si organizza per andare a giocare una partita di calcetto tra amici. Evidentemente, lo sport, la pratica sportiva, a maggior ragione l’agonismo, per giunta a certi livelli, sono un’altra cosa. Perché non abbiamo rinunciato a partecipare al Campionato? Perché avremmo perso il titolo sportivo e saremmo dovuti ripartire dalla serie Promozione, perdendo anche l’opportunità di difendere il titolo di Campioni d’Italia UNDER 17 raggiunto nel pre Covid. Avrei, avremmo, dovuto prendere una decisione unica nella storia della Associazione. E che avrebbe distrutto tutto il lavoro fatto ed i risultati raggiunti negli ultimi 10 anni.

Perché non riusciamo ad andare in acqua per gli allenamenti? Perché gli impianti natatori in città sono chiusi. E per questo, ci venga consentito di fare le dovute precisazioni.

Come comunicato pubblicamente qualche settimana addietro l’Auditore è risultata, a seguito di esperimento di procedura di evidenza pubblica, aggiudicataria del servizio di gestione della piscina da 25 metri “S.Pertini”. Abbiamo chiesto di poter avere la pronta consegna dell’impianto finalizzata a dare inizio agli allenamenti in vista dell’incombente inizio del Campionato Nazionale. La Provincia di Crotone, proprietaria dell’impianto, ha acconsentito, e per questo porgiamo i dovuti ringraziamenti al Settore 04 – il Dirigente Arch. Nicola Artese e la Dott.ssa Patrizia Dioguardi – ma gli adempimenti amministrativi necessari al subentro di un nuovo gestore in un impianto di siffatta consistenza sono numerosi e complessi. E purtroppo, sebbene si stiano rispettando tutti i termini procedimentali, gli stessi non ci consentiranno nell’immediato di entrarne in possesso e di utilizzarlo per i fini sportivi agonistici di interesse nazionale nel rispetto dei regolamenti Coni/CTS/Governo Italiano.

Al contrario, non possiamo che esprimere rammarico per il mancato completamento degli adempimenti amministrativi con i quali il Comune di Crotone si è impegnato alla riapertura dell’olimpionica, giusta determinazione dirigenziale n. 10 del 15.01.2021. Abbiamo fornito all’amministrazione comunale la nostra più ampia disponibilità e conoscenza finalizzata alla riapertura dell’impianto. Nel pieno rispetto delle disposizioni introdotte, abbiamo trasmesso informazioni e specifiche di dettaglio, siamo stati invitati presso la sede comunale, abbiamo partecipato a commissioni consiliari ed incontri con l’assessore ed il dirigente competenti, tutte circostanze pienamente documentabili, ma ad oggi non abbiamo ottenuto alcun riscontro sostanziale. La piscina olimpionica resta chiusa. Contrariamente ad altri impianti comunali che sono stati riaperti per consentire la partecipazione a manifestazioni Nazionali. Siamo pienamente consapevoli che lo spessore impiantistico dell’olimpionica non è assolutamente paragonabile a quello del Palakrò, ad esempio, o di qualche altra palestra e/o impianto, ma è altrettanto oggettivo come le associazioni sportive cittadine impegnate in campionati dal valore nazionale sia trattate dall’amministrazione comunale con sostanziale disuguaglianza.

Andremo a giocare, anche per quest’anno, altrove, a pagamento, le nostre partite casalinghe. Messina (olimpionica del centro universitario all’aperto), Bari (chiusa fino a fine Marzo), Salerno, Napoli. Abbiamo anche chiesto alla FIN, e restiamo in attesa di risposta, di poter disputare fuori casa l’intero girone di andata al fine di costruirci un’opportunità temporale ulteriore per sperare di giocare all’Olimpionica nei mesi di Maggio, Giugno e Luglio.
Non possiamo allenarci. Se non ospiti di qualche struttura natatoria regionale che con il tempo aprirà.

L’unica certezza sono e saranno i nostri ragazzi, le loro famiglie, il loro coraggio, la forza, l’abnegazione. I ringraziamenti vanno e andranno a quegli imprenditori che continuano a sostenerci ed a credere in noi. Dei quali avremo modo di esaltare le attività quanto prima. Che si rispecchiano nella consapevolezza che la resilienza è l’unica virtù necessaria da queste parti e che ‘nemo profheta in patria’ proprio dalle nostre latitudini è più che un sillogismo di retorica in lingua latina, è la cruda realtà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA