Da Lo Bello a Casarin: quando gli arbitri parlavano (e venivano puniti)

Da Lo Bello a Casarin: quando gli arbitri parlavano (e venivano puniti)
Il direttore di gara di Siracusa fu il primo ad ammettere un errore in tv. Il fischietto mestrino sospeso due volte a causa delle interviste. E Menicucci fu costretto a smettere. L’ironia di Beppe Viola: “Avevamo invitato Michelotti, ma è rimasto a Parma, a cantare…

continua a leggere su La Gazzetta dello Sport>>