1

Rinvenuti lungo i bordi della strada provinciale SP7 diverse piantine di Papaver somniferum

Del ritrovamento  è stato informato il Museo di Storia Naturale della Calabria ed Orto Botanico Università della Calabria di Arcavacata di Rende, professore Nicodemo Passalacqua, e il Comandante della stazione dei carabinieri Forestali di Cirò Maresciallo capo Donato Mingrone. Pianta da non confondere con il papavero dei campi (Papaver Rhoeas) detto anche Papavero comune o Rosolaccio dagli inconfondibili fiori rossi, considerata erba infestante nei campi di cereali. Il del papavero d’Oppio, è una pianta che era stata creata dall’uomo attraverso l’opera di selezione da una specie selvatica, individuata nel Papaver setigerum. I nostri antenati raccoglievano le capsule per poi usarle all’occorrenza come tranquillante. Una pianta  sempre cresciuta nel cirotano come raccontano gli anziani specie  nelle aree di San Francesco, Canale, Sant’Elia, Santa Venere, Campana. A testimonianza della sua presenza sul territorio nazionale  è il rinvenimento di semi e capsule di papavero da oppio che iniziarono ad affiorare in numerosi scavi archeologi italiani, già durante la fase del neolitico arcaico avanzato, 8000-6000 anni. Infatti in uno studio recente dell’ Etnobotanico Giorgio Samorini  si è appreso della  presenza in Italia già 7500 anni dove  gli abitanti attorno al lago di Bracciano, nel Lazio, crearono l’oppio, cimentandosi nell’opera di selezione del Papaver setigerum sino a ottenere il Papaver somniferum. La datazione più antica riporta al 5500 a.C. e sono stati trovati campioni di papavero di forme intermedie fra il setigerum e il somniferum, facendo ciò ritenere che sia questa l’area originale di coltivazione e selezione del papavero. Sarà questo il motivo per cui la papagna, come viene chiamato popolarmente il papavero da oppio in sud Italia, è tutt’ora così comune come pianta selvatica in Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia; anzi, l’Italia meridionale è l’area nel mondo a maggiore diffusione della pianta selvatica del papavero da oppio. La pianta contiene basse dosi di morfina (meno dell’1%), ma concentrazioni elevate di altri alcaloidi. In Italia è vietata l’estrazione degli alcaloidi, ma è permesso coltivare un piccolo numero di esemplari a scopo ornamentale. Il fatto che il Papavero Somniferum sia ritornato a crescere nel cirotano dove anticamente cresceva rigoglioso, è segno di un ambiente sano  ricco di biodiversità di cui Cirò vanta come la Ginestra bianca, il Solanum elaeagnifolium, l’Astragalus boeticus, la Salvia fruticosa, l’Acanthus spinosus, la Salvia prostata dei pendii, la Salvia Hispanica, oltre a numerose specie di orchidee selvatiche meravigliose che, in questo periodo, “affrescono” la natura dei colori più belli.