...


Una produzione orgogliosamente crotonese al Campania Teatro Festival 2021: Calà, l’ultimo filo

E’ “Calà, l’ultimo filo”, il dramma scritto a quattro mani da Giusy Mellace e Marco Ciconte che si prepara a debuttare al Campania Teatro Festival 2021, la più importante rassegna teatrale nazionale e tra le più prestigiose in Europa

La Redazione

Crotone, giovedì 10 Giugno 2021.

L’evento è stato presentato questa mattina nella Sala Consiliare dal cast al completo, con gli autori Giusy Mellace e Marco Ciconte erano presenti il registra Franco Eco, l’organizzatore Claudio Borrelli e gli attori protagonisti Erica Bianco, Giovanni Cordì e Francesca Flotta.

Con loro l’assessore alla Cultura Rachele Via e al Turismo Luca Bossi.

Un’opera nata a Crotone, dedicata a Crotone, che si prepara a spiccare il volo in uno dei più importanti festival a livello nazionale ed internazionale.

Un’opera innovativa, che affonda le sue radici nella drammaturgia classica e si rivolge al futuro, proponendo domande e spingendo alla riflessione con una narrazione sganciata da stereotipi e luoghi comuni.

Anche per questi motivi Calà figura tra le opere selezionate per il Campania Teatro Festival 2021

Si tratta di un evento storico: mai prima d’ora il Campania Teatro Festival aveva ospitato nel suo cartellone un’opera interamente scritta e prodotta nel territorio crotonese con un cast prevalentemente calabrese.

Il debutto di Calà è programmato per il 14 giugno nella splendida cornice del giardino di Porta di Miano a Capodimonte

Tre gli attori in scena, tutti calabresi: Francesca Flotta, Giovanni Cordì e la crotonese doc Erica Bianco.

La regia è di Franco Eco; Giusy Mellace si occupa della produzione esecutiva; a Claudio Borrelli è stata affidata l’organizzazione, mentre Franco Eco è anche autore delle musiche originali.

Inoltre, la locandina dello spettacolo è una artwork appositamente realizzata dell’artista crotonese Fabrizio De Masi.

Come ha spiegato il registra Franco Eco “la scelta di allestire lo spettacolo a Crotone nasce dalla voglia di dare un segnale culturale forte. Una città che nonostante le sue forti criticità, vuole comunque mostrarsi anche capace di ‘produrre’ cultura, esportando competenze senza temere anche palcoscenici di prestigio come il Campania Teatro Festival, uno tra i più prestigiosi del panorama teatrale italiano. La pandemia non ha soltanto chiuso i teatri e spento i riflettori per così tanto tempo. Ha deteriorato il sacro principio sociale della condivisione che è alla base dell’uomo e che solo lo spettacolo dal vivo ha possibilità di risanare”

Sulla stessa linea gli autori del dramma Giusy Mellace e Marco Ciconte, che seppur a distanza causa pandemia, hanno saputo fondere tradizione, storia, sociale in questa opera che tra leggende e miti, narra che tra il Tirreno e lo Jonio nacque un lembo di terra di una tale bellezza, superba e imponente, che i popoli dai paesi lontani, venuti a conoscenza vollero vederla ed impossessarsene. In questa terra nasce Calà, un’anima nera, cupa dai colori spenti, trapassata di stimoli brucianti, che lasciano le scie contese e smorzate dall’ombra e dai giochi contesi. L’unica salvezza resta il Rito della Madonna Nera, un richiamo alla tradizione e alla devozione verso Maria di Capo Colonna, il “voto” come elevazione di perdono e riscatto, che abbandona la leggenda come un sogno inquieto inseguita dalla disperazione, ed affronta la notte come ultimo riscatto di liberazione.
Molto determinati gli attori Erica Bianco, Giovanni Cordì, Francesca Flotta che hanno raccontato dell’emozione delle prove ma anche delle difficoltà dovute all’emergenza pandemica che ha impedito di poter provare in presenza. Tuttavia l’intero cast ha fatto squadra e Calà, l’ultimo filo è pronto al debutto al Festival campano.

Sull’importanza di questa produzione “crotonese” si sono soffermati l’assessore alla Cultura Via e l’assessore al Turismo Bossi nel manifestare la vicinanza dell’amministrazione al cast: “Per anni ci siamo fatti raccontare da altri. L’importanza di questa opera, oltre che per il prestigio che assume la partecipazione al Campania Teatro Festival 2021, è che questa terra che si racconta all’esterno. Ed è anche un ulteriore segnale che dalla cultura nasce la ripartenza di questa nostra città” ha detto l’assessore Via.

“Vedervi così motivati, constatare la vostra energia, sentirvi così orgogliosamente crotonesi è un segnale importante così come è fondamentale esportare il talento e l’immagine positiva della nostra città”.

Dopo il Campania Teatro Festival, anche Crotone sarà palcoscenico di Calà, l’ultimo filo

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

pinbahis

dumanbet giriş

maltcasino

parisbahis

betcart

betforward

وان ایکس بت

مل بت

shartboro

بهترین سایت شرط بندی

1kickbet

betboro

تک بت

کانن بت

یاس بت

bahis siteleri

پری مچ

bord2shart

irantopbet

1xbet