...


“Vive come uno zombie”. Gli ultimi giorni di Diego fra abbandono e solitudine

“Vive come uno zombie”. Gli ultimi giorni di Diego fra abbandono e solitudineDal giorno del suo 60° compleanno, quando allarmò il mondo intero apparendo in pubblico zoppicante e con lo sguardo catatonico, fino all’operazione d’urgenza alla testa e al controverso ricovero domiciliare in una villa del Tigre, alle porte di Buenos Aires, dove morì continua […]

La Redazione24

, giovedì 25 Novembre 2021.

“Vive come uno zombie”. Gli ultimi giorni di Diego fra abbandono e solitudineDal giorno del suo 60° compleanno, quando allarmò il mondo intero apparendo in pubblico zoppicante e con lo sguardo catatonico, fino all’operazione d’urgenza alla testa e al controverso ricovero domiciliare in una villa del Tigre, alle porte di Buenos Aires, dove morì
continua a leggere su La Gazzetta dello Sport>>

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *