Prestigioso riconoscimento per la nostra scrittrice calabrese Francesca Gallello

La Këshilli Shqiptar i Paqes – Itali e la Federata e Paqes Universale – Shqipëri, hanno conferito alla nostra scrittrice  la nomina di Ambasciatrice per la Pace in rappresentanza dell’Italia per l’Albania e Kosovo. Un riconoscimento, arrivato il 13 maggio 2022, dopo un importante incontro tra i rappresentanti della Federata e Paqes Universal in Albania e Italia per il consolidamento del Consiglio di pace albanese in Italia. All’incontro era presente la scrittrice Francesca Gallello ed altri candidati dall’Albania, dal Kosovo e dall’Italia, tutti invitati ufficialmente un mese prima. E’ il  primo incontro che è stato  realizzato online per causa covid, ma è previsto un grande evento ufficiale, come è sempre stato fatto, ogni anno, in paesi diversi con la presenza di grandi personaggi. L’incontro, organizzato dalla Federata e Paqes Universal, è stato introdotto e guidato dai suoi rappresentanti: Dr. Gaqo Apostoli, Kordinator i Këshillave Shqiptare të Paqes në Diasporë Ø Fjalë përshëndetëse – znj. Maria Gabriella Miell, Sekretare e Përgjithshme e Federatës së Paqes, Itali, in un incontro molto formale, come richiede l’importante evento. Il titolo di Ambasciatrice per la Pace, a Francesca Gallello, per il suo impegno sociale e culturale attraverso l’associazione Veliero e Radici,  attraverso la rivista SATURNO magazine, attraverso la sua attività di scrittrice, il suo impegno contro la violenza di genere,  gemellaggi e scambi culturali e di collaborazione con l’Albania ed il Kosovo. Un importante riconoscimento che sicuramente porta lustro alla Calabria e a Cirò Marina, luogo di nascita e residenza della scrittrice.

Ricordiamo della scrittrice Francesca Gallello,  i tantissimi incontri culturali organizzati  in Calabria con la presenza di illustri relatori venuti dall’Albania e dal Kosovo, incontri anche in Albania ed in Kosovo dove la Gallello  ha ricevuto numerosi premi per la sua attività di scrittrice. I libri pubblicati in lingua albanese a quattro mani con lo scrittore e docente universitario a Tirana, Nikolle Loca, la collaborazione tra la casa editrice Veliero, da lei fondata  e  Emal, casa editrice di Tirana di  Astrit Muça,  ex  portiere nella nazionale di calcio d’Albania, il quale ha partecipato al gemellaggio letterario organizzato da Veliero, proprio a Cirò Marina. Ricordiamo il suo impegno nel far conoscere autori albanesi anche attraverso una rubrica  nella rivista SATURNO magazine, da lei fondata e diretta, nella quale appunto presenta  autori albanesi, mettendo alla guida della rubrica la scrittrice e critico letterario Eltona Lakuriqi. La Gallello ha ricevuto tantissimi riconoscimenti a livello internazionale tra cui, qualche anno fa, un premio in Kosovo organizzato dal Kluby  Letrar Podgury, club letterario fondato dal primo presidente d’Albania Ibrahim Rugova, un altro titolo di Ambasciatrice di pace attraverso la sua poesia, dalla World Literary Forum For Peace and Human rights. Mentre tante le riviste e giornali internazionali, dagli Stati Uniti, al Giappone, hanno scritto di lei, del suo stile poetico particolare ormai definito gallelliano.

Quuesta o è quanto ci ha dichiarato:

Essere Ambasciatrice per la Pace, è un onore grande, cosa provi?

Assolutamente, è un grande onore per me e per la mia famiglia. Quando, durante l’incontro, ho visto le tantissime foto e video delle consegne avvenute in vari paesi del mondo, New York, Francia, Giappone ecc. vedere le tante personalità che hanno ricevuto questo importante riconoscimento e riconoscere tra i tanti grandi, anche il dott. Gino Strada, non nascondo che mi sono emozionata, mi sono sentita davvero piccola e a questo punto anche con una grande responsabilità, sì, essere Ambasciatrice per la Pace è una responsabilità, perché oggi che viviamo in un periodo storico davvero difficile e pesante, è importante seminare pensieri di pace e solidarietà, ne abbiamo davvero bisogno.

Quali altri impegni hai, nel prossimo futuro, con l’Albania ed il Kosovo?

Andrò a Tirana per presentare “Prëtej detit” che significa “Oltre il mare”, un libro di poesie scritte in collaborazione con lo scrittore e docente universitario a Tirana, Nikolle Loka. Intanto, oltre ai tanti impegni come editore e poi con la rivista SATURNO magazine, giunto all’ottava uscita, che mi impegna davvero tanto, sto lavorando insieme ad un amico e grande scrittore albanese, Agim Desku, ad un libro che uscirà presto, ma di questo preferisco parlarne a cose fatte.

Ambasciatrice per la Pace,  a chi dedichi questo importante riconoscimento?

Lo dedico al popolo ucraino ed a tutti quei popoli nel mondo che in questo momento stanno vivendo attimi di terrore e grande preoccupazione, che possa arrivare presto la pace tra i popoli