...


Sorical, riunione sulle emergenze idriche degli ultimi giorni

Le emergenze idriche che si stanno susseguendo nelle ultime settimane e la verifica del piano di contrasto, sono stati al centro di una riunione convocata dal commissario della Sorical Cataldo Calabretta. Alla riunione ha partecipato la responsabile dell’Area Commerciale, Pia Chiarella, tutta l’area operativa della società, il direttore Sergio De Marco ed i responsabili dei […]

La Redazione

Catanzaro, martedì 26 Luglio 2022.

Le emergenze idriche che si stanno susseguendo nelle ultime settimane e la verifica del piano di contrasto, sono stati al centro di una riunione convocata dal commissario della Sorical Cataldo Calabretta. Alla riunione ha partecipato la responsabile dell’Area Commerciale, Pia Chiarella, tutta l’area operativa della società, il direttore Sergio De Marco ed i responsabili dei 10 uffici di zona e dei tre compartimenti Nord, Centro e Sud. Nel corso della riunione, sono stati analizzati i recenti casi verificatesi a Rossano e Lamezia dove – a causa di civili abitazioni, sottoservizi di altri operatori e opifici costruiti a ridosso delle condotte posate dalla Cassa per il Mezzogiorno oltre 50 anni fa – sono stati arrecati danni alla società e impedito alle imprese di poter intervenire con le riparazioni in tempi celeri. Una situazione di grave danno per la Sorical – è stato sottolineato nel corso della riunione – perché spesso costretta  a demolire e ricostruire lo stato dei luoghi o, come nel caso di Rossano, addirittura costruire un bypass in piena emergenza e nel week end.

Nel caso di Lamezia, la situazione è ancora più complessa: la fascia di esproprio, all’epoca individuata dalla ex Casmez, dove è stato posato un tratto di condotta dell’acquedotto Sambuco, è diventata una strada. Inoltre, la zona è stata urbanizzata dal Comune, sicuramente dopo la costruzione dell’acquedotto, e oggi ci sono diverse interferenze che impediscono la normale manutenzione della condotta; sopra la stessa poi, sono stati costruiti manufatti in cemento armato dalle aziende di sottoservizi, luce e gas; mura di cortili di civili abitazioni sono quasi a ridosso della condotta. Per il ripristino dei luoghi occorre attendere l’ultimazione delle lavorazioni da parte dei gestori dei sottoservizi e solo successivamente sarà possibile procedere con gli altri lavori. Disagi per i cittadini, ma soprattutto oneri per la Sorical che ha presentato una richiesta di finanziamento alla Regione per poter abbandonare la zone e realizzare un tracciato diverso per l’acquedotto Sambuco.

Nel corso della riunione sono state analizzate altre questioni come i furti di acqua dagli acquedotti e la siccità che sta interessando diverse sorgenti ubicate nel territorio crotonese, vibonese e catanzarese. Rispetto alla pressante richiesta da parte di alcuni Comuni di maggiori portate di acqua già dal mese di giugno, è stato fatto presente che ciò non è sempre possibile, sia per carenza di maggiore risorsa idrica, sia a causa dei maggiori costi energetici e manutentivi straordinari che le società in questa fase non è nelle condizioni di sostenere. E’ stato verificato che non sempre la richiesta di una dotazione idrica maggiore sia legata alla presenza di più abitanti sul territorio, ma dall’utilizzo improprio dell’acqua potabile e la controprova arriva con le giornate di pioggia che fanno ridurre i consumi anche del 40%.    

Riguardo invece i costi energetici, nel 2002 la bolletta elettrica raggiungerà la cifra record di oltre 65 milioni di euro contro i circa 27 milioni degli anni precedenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

una Risposta a Sorical, riunione sulle emergenze idriche degli ultimi giorni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.