...


Istituto Comprensivo di Cariati: il punto dopo la prima settimana di lezioni

La dirigente Giudiceandrea: “La scuola c’è, con la sua organizzazione e la costante vicinanza alle famiglie”

La Redazione

Cariati, giovedì 08 Ottobre 2020.

Dopo la prima settimana di scuola con le
nuove modalità e prescrizioni rivolte a contenere il rischio di
contagio da Covid-19, all’Istituto Comprensivo di Cariati si fa il punto della
situazione.

La
prima cosa da sottolineare, afferma la dirigente scolastica Agatina
Giudiceandrea, è la felicità di tornare a scuola da parte di tutti gli allievi.
“Le emozioni che abbiamo raccolto – aggiunge – ci hanno dato la misura del
valore che loro stessi danno alla scuola in presenza e alla relazione con
insegnanti e compagni”. Inoltre, l’ingresso e la permanenza a scuola si sono
svolti serenamente fin dal primo giorno: “Anche i più piccoli si sono già
abituati alle regole, i genitori hanno collaborato spiegando come comportarsi”.
Per questo è stato possibile, già durante la settimana, ridurre i tempi
d’ingresso, più contingentati nei primissimi giorni.

Molto
ha contato l’organizzazione interna della scuola, partita con largo anticipo.
La Dirigente: “Siamo stati sempre operativi, lavorando intensamente per
l’apertura: prima di tutto il corpo docente, con la  Dad, altrimenti avremmo aperto con falle
educative enormi; poi  gli
amministrativi, ininterrottamente impegnati e anche i collaboratori scolastici…
non hanno lasciato un briciolo della loro energia”.

Il
Comitato Genitori ha dato il suo apporto con i volontari che hanno collaborato
al ripristino degli spazi, in particolare nel plesso Vittorio Emanuele, o
aiutando i docenti del plesso Faggiano a traslocare nel Centro Sociale, o
collaborando all’attivazione dei percorsi 
di sicurezza. “E soprattutto – 
precisa la Giudiceandrea Рil Comitato Genitori si ̬ fatto carico di
portare costantemente all’attenzione della Dirigente scolastica le esigenze
delle famiglie, sia durante il lockdown, sia nelle fasi della Dad e sia nella
preparazione per l’apertura”.  A riguardo
evidenzia anche la disponibilità degli insegnanti, sempre pronti all’ascolto:
“È  importante sapere che la scuola
c’è,  che bisogna rivolgersi con fiducia
a dirigente e insegnanti… siamo sempre vicini alle famiglie!”.

In
merito alla situazione strutturale dei singoli plessi, si può constatare che i
lavori indispensabili per il rientro in sicurezza, come ad esempio la
riconversione di molti spazi per favorire il distanziamento personale, sono
stati fatti; nei giorni di assenza degli alunni, si sta procedendo con  altri interventi di adeguamento alle norme
anti-Covid, resi possibili grazie a finanziamenti Pon assegnati al Comune di
Cariati.  

La
scuola, inoltre, ha predisposto l’acquisto di dispositivi di sicurezza (gel,
camici, mascherine…)  che incrementano
quelli forniti dalla struttura commissariale statale; si è invece in attesa dei
nuovi banchi: “Al momento usiamo, con gli accorgimenti di sicurezza, quelli
esistenti – informa la Dirigente scolastica – i nuovi arredi dovrebbero
arrivare in questo mese, abbiamo fatto una richiesta consistente”.

Infine un’esortazione: “I dati che arrivano sulla situazione sanitaria sono ancora allarmanti, dobbiamo tenere alta la guardia, usare le mascherine, evitare ogni assembramento, continuare a collaborare ed essere pazienti anche se c’è qualche ritardo o inadempienza… è una macchina nazionale che si sta muovendo e la scuola, lo assicuro, sta facendo il possibile per funzionare al meglio abbattendo i rischi”.
Assunta Scorpiniti

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *