L’avvocato Cataldo Calabretta nominato Vice Commissario regionale della Lega

Nel 2019 era stato indicato anche come possibile candidato alla Presidenza della Regione Calabria.
Qualche settimana fa è stato rinnovato il direttivo regionale della Lega che con il Presidente ff Nino Spirlì dal mese di ottobre governa la nostra Regione. È stato nominato il nuovo commissario regionale della Lega, l’avvocato Giacomo Francesco Saccomanno che nelle provincie calabresi sta incontrando i militanti della Lega e i dirigenti. Al suo fianco oltre a Calabretta ci sono Roy Biasi, sub commissario, dirigente nazionale della Lega e Sindaco di Taurianova, Marco Maiolo, vice sindaco di Cardinale e Pietro Spizzirri.
L’avvocato Calabretta è di Cirò Marina, si è laureato all’Università Cattolica di Milano, è docente universitario di diritto dell’informazione, insegna all’Università Ecampus di Novedrate e all’Unical. E’ dottore di Ricerca in “Impresa, Stato e Mercato”, conseguito presso il Dipartimento Giuridico dell’Universita’ della Calabria con specializzazione in Diritto Privato e ha frequentato il Corso di Specializzazione Isdaci di Milano “per esperto in affari legali d’impresa”. È anche giornalista e da tempo collabora con diverse testate nazionali.
Un curriculum di studi di grande spessore, dunque, quello di Calabretta, al quale si aggiungono i successi professionali nel mondo della comunicazione e della tv, che lo hanno portato a ricoprire ruoli di primo piano sugli schermi Rai e Mediaset, come conduttore e opinionista dei più popolari talk televisivi sopratutto in veste di esperto di cronaca nera e giudiziaria. Ha anche condotto su Rete4 “Grand Tour d’Italia”, il format dedicato ai territori e alle eccellenze italiane.

Calabretta, uomo di fiducia del leader Matteo Salvini ha aderito al progetto leghista fin dalla nascita del partito nazionale e dal mese di settembre è al vertice della Società che gestisce il settore idrico calabrese.
Nello scorso mese di settembre ha ricevuto l’incarico dalla compianta governatrice Jole Santelli. “Ci sono i presupposti per arrivare in breve tempo alla pubblicizzazione della società e al rilancio dell’intero settore”, ha recentemente dichiarato Calabretta. La Società Risorse Idriche Calabresi s.p.a. (So.Ri.Cal) è una delle caselle più importanti del sottogoverno regionale. Attualmente è una società mista a prevalente capitale pubblico regionale: (il 53,5% appartiene alla Regione Calabria; il 46,5% Acque di Calabria s.p.a. che è controllata dalla Multinazionale Veolia) a cui da anni è stata affidata la gestione, il completamento, l’ammodernamento e l’ampliamento degli schemi idrici di grande adduzione, accumulo e potabilizzazione trasferiti alla Regione Calabria dalla disciolta Cassa per il Mezzogiorno nonché lo svolgimento del servizio idropotabile all’ingrosso in favore di tutti i comuni calabresi.