...


Cariati, il liceo Stefano Patrizi vince il contest (L)égalité

La sindaca Filomena Greco: «Orgogliosa dei nostri ragazzi che hanno saputo raccontare una realtà drammatica, senza perdere di vista la speranza per un futuro migliore»

La Redazione

CARIATI, sabato 09 settembre 2017.

Liceo-scientifico-CariatiRiceviamo e pubblichiamo:

Frangar, non flectar: “Mi spezzerò, non mi piegherò”. Questo il messaggio che apre il video, e quindi la storia, che i ragazzi del liceo scientifico Stefano Patrizi di Cariati hanno ideato per partecipare al contest di (L)égalité. E che è valso loro il premio del progetto: un viaggio in Spagna per conoscere altri loro coetanei e confrontarsi con loro sui temi della legalità, dell’uguaglianza e della giustizia sociale.

«Sono orgogliosa dei nostri ragazzi – ha detto la sindaca Filomena Greco – , non solo perché hanno vinto il concorso. Ma soprattutto perché sono stati molto bravi a raccontare una realtà drammatica, quella dei giovani volenterosi e intraprendenti ai quali la nostra società ha smesso di garantire un futuro onesto e dignitoso. Hanno dimostrato come non sia per nulla facile accettare che lo studio, il sacrificio, la buona volontà potrebbero non bastare. E che spesso per trovare un lavoro bisogna piegarsi a logiche scorrette, se non addirittura criminali».
Il video vincitore ha come protagonista un giovane ventenne, neolaureato con il massimo dei voti, che non riesce a trovare un lavoro. Si scontra con il fenomeno delle raccomandazioni, cade in un periodo buio e poi, d’impeto, sceglie di reagire.
Filomena Greco«Evidentemente – ha continuato la Prima cittadina (nella foto a destra) – , anche se ancora per questi ragazzi l’entrata nel mondo del lavoro è lontana, la ricerca di una professione è un tema che li tocca e sul quale hanno qualcosa da dire. Con questo corto, sono riusciti a trasmettere un insegnamento di vita: non bisogna mai scoraggiarsi di fronte ai problemi, ma sempre cercare soluzioni oneste. Un atteggiamento che noi come amministrazione condividiamo e proponiamo sempre con vigore. Da quando ci siamo insediati, abbiamo puntato tutto sulla legalità e sul rispetto delle regole. Ci siamo posti come obiettivo quello di incentivare l’economia del territorio, di premiare il merito e le buone idee, per fare in modo che si possa crescere davvero, e che tutti possano continuare a vivere a lavorare anche qui, nel luogo in cui sono nati o che hanno scelto, liberi da condizionamenti. Faccio ai ragazzi vincitori i miei complimenti – ha concluso – e l’augurio di non perdere mai il coraggio di combattere e di cercare sempre situazioni stimolanti. Perché ce ne sono e vale la pena di scoprirle».
IL PROGETTO. (L)égalité è un progetto rivolto ai ragazzi tra i 14 e i 19 anni. Ha lo scopo di diffondere la cultura della legalità e di sensibilizzare i più giovani verso l’importanza sociale del rispetto della legalità. Co-finanziato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale, e dall’associazione In-Progress Calabria, si articola in diversi momenti. Nei mesi scorsi, sono stati organizzati in Calabria incontri e workshop, anche nelle scuole. Lo scopo non era solo quello di illustrare il contest, ma soprattutto quello di coinvolgere i ragazzi in una discussione sui temi della legalità e dell’uguaglianza sociale, appunto, ma anche su quelli della coesione sociale e dell’importanza che le buone prassi possono avere per tutti.
A seguito degli incontri, i ragazzi che hanno scelto di aderire si sono impegnati per qualche settimana nella realizzazione del video. Tra i partecipanti, sono stati scelti quelli del liceo di Cariati.
Ora inizia un’altra fase: il viaggio. Si parte domenica 1 ottobre alla volta della Spagna. Lì, i vincitori si tratterranno per cinque giorni, durante i quali incontreranno coetanei spagnoli e tedeschi, verranno coinvolti in una serie di attività e visiteranno luoghi significativi del posto.
Prima della chiusura dell’anno, infine, sarà organizzato un evento in Calabria al quale prenderanno parte tutti i partecipanti. In quell’occasione, sarà proiettato il video vincitore e distribuiti gli attestati di partecipazione a tutti i ragazzi.
Il video premiato da (L)égalité e realizzato dagli studenti del liceo di Cariati è già su YouTube, visibile al link: https://www.youtube.com/watch?v=ksoRU553JkQ

Ufficio Stampa Comune di Cariati


image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>