Val Camonica, nessun responsabile per la montagna dei veleni