...


Riapriamo le scuole con senso di responsabilità

La nota del Consorzio Jobel

La Redazione

Cultura, lunedì 13 Luglio 2020.

La riapertura delle scuole deve
essere una priorità assoluta al
fine di consentire all’istituzione scolastica di continuare a realizzare con
successo le finalità educative e formative cui è, sostanzialmente, preposta.

Per mettere
al centro l’istituzione scolastica
in un periodo storico in cui è stata completamente abbandonata, il Consorzio
Jobel ha proposto la realizzazione del Patto Educativo di Corresponsabilità: una proposta sperimentale e
comunitaria, a cui dovrebbero partecipare attivamente tutti i componenti  della comunità scolastica, da docenti e dirigenti
scolastici sino a studenti e genitori con gli enti e le associazioni del
territorio, utilizzando spazi comunitari come musei, biblioteche, palestre.

Tale proposta elenca principi e comportamenti che scuola,
famiglia e alunni condividono e si impegnano a rispettare. È una proposta
innovativa molto concreta e sostanziale da costruire con  musei, associazioni, istituzioni e cooperative,
con la finalità di rendere esplicite e condivise, per l’intero percorso di istruzione,
aspettative e visioni d’insieme del percorso formativo degli studenti.

Un progetto che  mira
ad affrontare al meglio l’emergenza dettata dalle norme anti Covid:
condivisione delle regole e responsabilizzazione di tutti, poiché la scuola ha
il compito di far acquisire agli studenti non solo competenze, ma anche valori
da trasmettere per formare cittadini che abbiano senso di identità,
appartenenza responsabilità.

Per tale motivo, il Consorzio Jobel, gestore del Museo e
Giardini di Pitagora, da sempre impegnato 
attivamente nei rapporti con tutte le istituzioni scolastiche per la formazione
di docenti e studenti, ma anche come soggetto ospitante di alternanza
scuola-lavoro, centro di inclusione per tutti gli studenti e luogo di scambio
socio-culturale tra enti e associazioni, ha proposto la sua partecipazione
attiva al Patto educativo di corresponsabilità al fine di contribuire, insieme
alle istituzioni scolastiche, all’offerta formativa, impegnandosi a collaborare
e interagire  non solo nelle strutture
scolastiche ma valorizzando anche i luoghi sociali e culturali del territorio.

“In tal modo si trasformerebbe l’attuale
emergenza in un’opportunità unica di crescita e formazione per gli studenti di
ogni ordine e grado” dichiara il presidente Vazzano, invitando l’intera
comunità ad attivare, da subito, un processo di partecipazione e progettazione
per l’anno scolastico 2020/2021.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *