...


Viaggio da incubo su autobus Roma-Crotone

Uno dei mezzi andato in fumo lungo l’autostrada A3, Assotutela denuncia i continui disagi dei passeggeri

La Redazione

Crotone, sabato 23 febbraio 2013.

“Nella notte appena trascorsa, per l’ennesima volta, i passeggeri delle Autolinee Romano S.p.a., in partenza da Roma e diretti a Crotone, sono stati costretti ad affrontare un viaggio da incubo – è la denuncia fatta da Andrea Tropea, Segretario Nazionale Assotutela. Infatti, intorno alle ore 3.30, uno dei mezzi partiti da Roma (Stazione Tiburtina) è andato in fumo lungo l’autostrada Salerno-Reggio Calabria, in seguito ad un’esplosione avvertita da tutti i passeggeri a bordo. La circostanza è ancora più grave se si considera che, durante la sosta precedente, gli autisti erano già stati allertati dai passeggeri, che avevano notato la fuoriuscita di fumo dalla zona-motore. Nonostante ciò, il mezzo è tornato regolarmente in viaggio.

I passeggeri, colpiti dalla paura e dal timore per la propria incolumità, raccontano di essere stati letteralmente abbandonati in mezzo alla strada, con le naturali conseguenze del freddo, nell’attesa dell’arrivo di altri mezzi dal Nord Italia, che li portassero a destinazione, naturalmente in ritardo rispetto all’orario previsto. La situazione dei trasporti in terra calabrese è al collasso! Quanto ancora dovranno subire i cittadini di quella Regione ai quali è ormai precluso il diritto di tornare nella propria terra? Ricordiamo infatti che, per arrivare a Crotone, sono stati già soppressi tutti i collegamenti diretti sia in treno che in aereo e, pertanto, l’unico mezzo è rimasto il pullman, un mezzo sempre più caro e più insicuro. Chiediamo rispetto per i cittadini del Sud Italia e invitiamo tutti i politici italiani, affaccendati a realizzare la TAV nel Nord Italia a porre prima la loro attenzione sulla drammatica situazione dei trasporti nel Mezzogiorno e, in particolare, in Calabria”.

 

15368 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 Responses to Viaggio da incubo su autobus Roma-Crotone

  1. Salvatore Principe Rispondi

    17 settembre 2018 at 16:06

    Noi crotonesi ci meritiamo quello che abbiamo.
    Siamo un popolo senza palle che si incazza tantissimo per una partita di calcio e non per il lavoro, i trasporti, le scuole e la sanità che non funzionano assolutamente.

  2. Enrico Saraco Rispondi

    13 settembre 2018 at 20:53

    Ciao sono Enrico.povera Crotone, e poveri crotonesi.

  3. giancarlo Rispondi

    10 febbraio 2015 at 18:26

    Siamo in CalabriaSaudita quindi di cosa vi lamentate? Con la situazione che c’è, se non ci fossero i pullman di Romano con cosa vi muovereste? I veicoli sono tutti nuovi e qualsiasi mezzo meccanico è passibile di rottura quindi se succede qualcosa, bisogna avere solo pazienza, anche i treni si rompono. Che poi i politici se ne fregano dei treni e della ss 106 questa è un’altra cosa, tutti si lamentano ma quando arrivano le elezioni tutti corrono a votare. Fate come a San Morello, non avevano la strada, non ha votato nessuno, l’anno dopo la strada era realizzata. A buon intenditor… poche parole.

  4. Marco Perri Rispondi

    7 febbraio 2015 at 17:08

    romano delude ancora….

  5. giorgio Rispondi

    26 febbraio 2013 at 14:19

    purtroppo oggi come siamo messi abbiamo bisogno dei pullman io personalmente mi trovo bene con la MILONTOURS Pullman molto comodo con sedili spaziosi con tanti servizi, personale qualificato.

  6. aldo Rispondi

    26 febbraio 2013 at 02:46

    Visto i risulti delle elezioni, in cui si è dato alla Lega la possibilità di vincere in Calabria, far eleggere Scilipoti e ridare il potere a PDL che in Calabria non ha mai fatto nulla (non che altri abbiano mai fatto meglio per intenderci) cosa vi lamentate a fare? Vi trattano come stupidi e siete contenti di esserlo, la Calabria è un luogo di conquista di Voti, con strade costruite nel 20ennio fascista, ferrovie inesistenti, aerei solo su lamezia (350 euro A/R prezzo fisso per Milano e Roma)! Visto i risultati elettorati vi meritate quello che vi danno, pane duro! Sono i Calabresi che amano sentirsi ultimi, perchè senza i lamenti non sanno vivere!

    • cataldo ant. amoruso Rispondi

      26 febbraio 2013 at 12:00

      Si chiama ‘effetto Rosenthal’, e non è l’invenzione di qualche psicologo perdigiorno…
      Ciao.

  7. Giovanni Rispondi

    25 febbraio 2013 at 15:54

    Salve, io so solo una cosa ho viaggiato a Dicembre prima di Natale in Volo Bergamo Crotone spendendo 70euro volo vuoto, controllo su autoliee romano e quel giorno il Bus Da milano Viaggiava PIENO !!!!!Cambiamo Mentalità…

    • angelo Rispondi

      26 febbraio 2013 at 10:24

      Il fatto veramente vergognoso è che non si hanno alternative. O viaggi in bus o ti prendi la tua auto.
      Ecco che il sig. Romano a questo punto fa il bello ed il cattivo tempo , perchè ha il monopolio di queste tratte( lasciamo perdere gli altri tipo la Simet che fanno venire i brividi). E poi c’è l’assoluta indifferenza verso la soddisfazione del cliente che, in quanto paga, avrebbe diritto ad essere assistito dal momento della prenotazione fino all’arrivo. Il nulla più assoluto. Io stesso ho inviato una lettera di reclamo sei mesi fa: ancora aspetto risposta.
      Il voto di ieri poi, giusto come sottolineato da Aldo, ci ha tolto definitivamente ogni speranza che le cose possano mai cambiare in un futuro prossimo.

    • Salvatore Principe Rispondi

      17 settembre 2018 at 16:55

      Piè che mentalità gli aerei devono, DEVONO esserci tutto l’anno e non solo a dicembre, luglio e agosto.

  8. Franco Rispondi

    25 febbraio 2013 at 09:27

    Salve, a parte i pericoli legati all’uso del pullman,è urgente ripristinare i treni, nei quali si viaggia certo più comodamente che nei pullman.Se i disagi da affrontare in un pullman sono più facilmente tollerabili da persone ancora giovani,le persone anziane, con vari disturbi, nn ultimo quello di aver bisogno spesso del bagno comodo (non quello dei pullman,per carità!) o di stendersi sulla cuccetta di un treno, soffrono,e non poco, anche perchè costrette a uscire in piena notte fuori dai pullman per rifocillarsi….al freddo.E’ una situazione insostenibile,ormai.Rivogliamo i treni,almeno quelli a lunga percorrenza,tipo Crotone -Milano, soppresso da tempo.E il nostro Sud rimane la Cenerentola

  9. karim Rispondi

    24 febbraio 2013 at 20:02

    tale episodio non è l’unico che si verifica su questi pullman. Addirittura un’ autista si è messo a litigare con un passeggero ed ha fermato il pullman in mezzo la strada per litigare , per poco non si è arrivati alle mani. Ma insomma il passeggero chi lo tutela? SI PARTE MA NON SI SA’ QUANDO SI ARRIVA!!!!!!!

  10. angelo Rispondi

    24 febbraio 2013 at 12:58

    Il bello è che questo schifo di autolinea non ha neanche un call center o qualcuno che risponda a chi abbia necessità di manifestare il proprio disappunto, nè si ha maggior fortuna mandando una e.mail perchè il risultato è lo stesso. Continuano a far soldi a ns. discapito senza dare un minimo di servizio. Però devo dire che ce lo meritiamo, almeno fino a quando continueremo a votare i soliti noti.

  11. giovanni Rispondi

    23 febbraio 2013 at 18:52

    a quanti, di quei politici venuti in calabria ad elemosinare voti, gli è stato chiesto,il perchè sono stati eliminati i treni di lunga percorrenza?quanti di quei leccaculi e lombrichi, al seguito a spararsi la posa,glielo abbiano mai chiesto? io dico che qualcuno di loro sistemerà il proprio figlio in qualche ministero,e tanto gli basta,e come diceva alberto sordi,noi siamo noi,e voi non siete un cazzo,appunto cosa gliene frega se il pulman prende fuoco,aspettiamo come al solito che ci scappi il morto,e POI?

  12. teresa paladini Rispondi

    23 febbraio 2013 at 18:51

    invito i passeggeri malcapitati a ringraziare il Presidente della Regione Calabria che si è preoccupato solo dell’aeroporto di Reggio… tutto il resto della Calabria è un’isola deserta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *