...


Concorso promosso dall’Accademia dei Bronzi: il Premio “Mattia Preti” a Giuseppe Galati

Il premio, ideato dal sodalizio culturale catanzarese nell’ambito della pubblicazione del volume “Pagine di arte e poesia”

La Redazione

Catanzaro, mercoledì 08 Aprile 2020.

L’artista Giuseppe Galati, con l’opera “Ricordo di Antonietta” ha vinto la prima edizione del premio di pittura “Mattia Preti” organizzato dall’Accademia dei Bronzi di Catanzaro presieduta da Vincenzo Ursini.

Il premio, ideato dal sodalizio culturale catanzarese nell’ambito della pubblicazione del volume “Pagine di arte e poesia” la cui uscita è prevista entro pochi giorni, aveva come fine la selezione di un’opera pittorica da utilizzare come illustrazione di copertina. Al concorso, infatti, potevano liberamente partecipare, inoltrando esplicita richiesta, tutti gli artisti inclusi nel libro. Galati è stato scelto dall’Accademia dei Bronzi dopo la rinuncia dell’artista spagnolo Tomás Castaño, impossibilitato a presentare l’opera premiata, cosa determinante ai fini dell’attribuzione del premio. L’Accademia dei Bronzi ha, quindi, rimodulato la classifica di merito scegliendo “Ricordo di Antonietta”: “opera potente e di grande effetto cromatico – scrive Ursini – attraverso la quale il pittore ricorda la moglie Antonietta”. “Fantastiche – scrive invece Maria Concetta Giorgi – le ombre sulla faccia, che riprendono lo stesso colore del vestito indossato dalla donna. Occhi splendidi e dolcissimi. Il pittore ferma l’attimo di una intensa espressione, ruba un frammento d’anima e plasma il suo dipinto con autentica maestria. Il risultato finale è di grande bellezza”.

Nato ad Acquaro, in provincia di Vibo Valentia, dopo aver studiato al Liceo Artistico di Reggio Calabria, Giuseppe Galati si è dedicato all’insegnamento partecipando anche a mostre e concorsi regionali e nazionali.

Spinto da una forte passione politica, ha militato nel PCI, del quale ha fatto il segretario di sezione per 18 anni. È stato, quindi, sindaco del suo paese, presidente della Comunità Montana “Alto Mesima” e presidente del PDS-DS di Vibo Valentia.

Negli ultimi anni ha ripreso, con rinnovata passione, la sua iniziale attività artistica aderendo a numerose collettive (Reggio Calabria, Vibo Valentia, Napoli, Roma, New York, Forlì, Bologna, Palermo, Pizzo Calabro, Lamezia Terme) e allestendo alcune personali, l’ultima delle quali – patrocinata dall’Accademia dei Bronzi – si è tenuta presso la galleria “Mattia Preti” del Circolo Unione di Catanzaro. Nel 2019 ha vinto, tra gli altri, il 1° premio internazionale “Velasquez-Madrid”.

Una segnalazione speciale è stata attribuita agli artisti: Maria Grazia Calabrò di Rende, per l’opera “Spighe di grano”: delicate spighe che ondeggiano al vento, colori tenui per un soggetto che affascina sempre; Luigi Caputo di Mendicino, per “Girasoli”: dipinto che è gioia da contemplare con i girasoli al centro e sullo sfondo un chiarore tra cielo e mare; Giovanni Chiarella di Catanzaro per l’opera “Cesto con limoni”: i limoni nel cesto abbondano e dànno chiarore a tutta la scena; Caterina Rizzo di Pizzo per “Catanzaro, passeggiata all’imbrunire”: cromie che cambiano nelle sfumature del rosso e del viola, colori ben dosati dentro la città dopo il tramonto.

La premiazione si terrà a fine maggio a Catanzaro nell’ambito della presentazione del volume “Pagine”. Nel corso della presentazione sarà altresì consegnato il premio “Alfiere dell’Arte e della Poesia” istituito dall’Accademia dei Bronzi: “premio – sottolinea il presidente Ursini – attraverso il quale intendiamo segnalare alcuni dei numerosi artisti che da tempo aderiscono alle iniziative del nostro sodalizio culturale”.

“Tante altre opere pittoriche meriterebbero di essere premiate; purtroppo non tutti gli artisti hanno aderito al premio “Mattia Preti”. Ricordiamo – sottolinea Ursini – che nel volume “Pagine” sono stati inclusi gratuitamente 209 autori per complessive 149 poesie e 91 opere d’arte. Anche in questa occasione parliamo di una bella selezione perché la qualità dei partecipanti è stata davvero alta. Insomma, l’Accademia dei Bronzi è diventata in tantissimi anni di attività punto importante di riferimento per tutti quelli che dedicano una parte della loro quotidianità all’arte e alla poesia”.

Questi gli artisti e i poeti selezionati: Abritta Alba, Agresta Bernardina, Aiello Velia, Alia Amalia, Angotti Concetta, Angotti Rosy, Antonini Lia, Argentero Roberto, Baldelli Paolo, Barbieri Antonella, Barraco Antonina, Baschieri Lorenzo, Basso Solidea, Bellucci Giulia, Bernio Mariella, Bertacchini Lisanna, Bertelli Mirko, Bertoletti Giuseppe (G.B.), Biamonte Beatrice, Biasuzzo Sabina, Bisciari Timea, Borali Lisetta, Bresciani Cinzia, Brilli Sandro, Bruni Marco, Buongiorno Liliana, Cacco Anna Afrodhiti, Calabrò Grazia, Camellini Sergio, Cannata Francesca, Capria Francesco Saverio, Caputo Luigi, Carnì Teresa, Carpentieri Antonella, Carrassi Maria, Carta Silvia, Casagni Enzo, Casali Matteo, Casile Palma, Cassani Rita, Castaño Tomás, Catalani Gaetano, Cattaneo Mattia, Cavaggioni Maria, Chechile Maria Teresa, Chiappetta Angelo, Chiarella Giovanni, Ciervo Antonio, Cirillo Maria Luisa, Codamo Salvatore, Colicchio Maria Rosaria, Collari Roberto, Colopi Sonia, Conte Vincenzo, Corigliano Maddalena, Cracco Rosanna, Cristea Angi Melania, Cuzzocrea Alessia, D’Agrusa Giuseppe, D’Alessandro Antonio, Del Monte Ombretta, Di Castri Maria Beatrice, Di Ciocco Mariella, di Febbo Luciana, Di Francesco Luisa, Di Sciascio Alba Teresa, Donato Leo, D’Ortona Alessandra, Esposito Ciro, Esposito Nicola, Esposito Ruggiero Tommaso, Famà Concetta, Faniello Domenico, Fazzari Irene, Ferorelli Dina, Ferrara Iolanda Erminia, Ferraro Gessica, Fiacca Nadia, Fortuna Antonella, Fratto Nuccia Parrello, Furchì Modesto, Galati Giuseppe, Gallelli Mimma, Gargiulo Anna Maria, Gentile Ela, Gigliotti Caterina, Giotti Antonina, Giovannucci Cristina, Giovinazzo Rosanna, Greco Bruno Roberto, Grieco Roberto, Gugliuzza Salvatore, Guidi Annamaria, Ianigro Patrizia, Innocenti Maria Grazia, Iofalo Maria, Iorio Gino, La Gatta Grazia, La Moglie Salvatore, La Neve Marcello, Lazzaro Emanuela, Leonardo Alfredo, Liberatore Elisabetta, Liciu Liliana, Loricchio Francesca, Lubrano Rosella, Maccioni Franco, Mainardi Paola, Malatacca Angela Maria, Mancuso Massimo, Mangia Giovanni, Mantovani Gabriella, Marcantoni Gianni, Marino Bruna, Mascia Mario, Masotti Pierantonio, Mazzeo Domenica, Mendicino Roberto, Mercuri Cesare Teodoro, Migliaccio Franco, Minniti Giuseppe, Minnucci Maurizio, Misasi Francesca, Mudu Stefania, Mulas Mariella, Munizza Salvatore, Muscarella Elvira, Muscarella Rosa Maria, Muscio Saverio (Savemus), Nannicini Monica, Negrini Stefania, Nesi Tiziano, Nucera Pietro, Oddi Fabrizio, Oriolo Antonella, Ottaviani Tiziana, Paci Gabriella, Palazzesi Gianni, Panetta Rosita, Papaluca Paola, Parato Vincenzo, Parducci Laura, Parisi Sebastiana (Nell’Art), Parrinello Paola, Pascali Dominga, Pascasi Selene, Pascucci Nadia, Perotti Maria, Pescatore Angelo, Pietrafitta Paola Vanessa, Pisanò Carmela, Pivelli Filippo, Pollacci Bruno, Puglia Filippo, Ranieri Anna Rachele, Remia Marcello, Renzo Ilaria Rosy, Ricco Tiziana, Riccobono Giuseppina Geraldina, Rinforzi Lolita, Rizzo Caterina, Rizzo Lina, Rizzo Valentina, Romano Giuseppe, Romeo Amelia, Rosanò Ugo, Rosati Giancarlo, Rotundo Concetta, Rusconi Matteo, Sancineti Ilina, Santini Raffaele, Saracino Maria, Scomparin Carlo, Scuderi Angelo, Siciliano Roberta, Siligardi Raffaella, Sorbara Caterina, Soriente Massimiliano, Sozio Antonella, Sperino Assunta, Spes Ilaria, Sposato Laura, Stagno Giovanni, Stets Inna, Stillo Bruno, Stillo Giuseppe, Stinchi Giuseppe, Tagliani Caterina, Talarico Maria Teresa, Tamiano Antonella, Tassone Rocco Giuseppe, Taverna Cesare, Taverniti Cosetta, Teresi Giovanni, Testa Biagio, Testa Emilia, Tollio Ippazio Fabrizio, Tulelli Paolo,  Ugolini Nadia, Vairano Antonella, Valenti Salvatore, Verban Gabriela, Vercesi Anna, Vergoni Gilberto, Villani Luca Gilberto, Virdò Domenico, Vivona Sonia, Zaccone Maria, Zambrano Raffaella (Raffa).

Con Giovanni Chiarella la città di Catanzaro è rappresentata da un nutrito gruppo di artisti, alcuni dei quali sono alla loro prima esperienza con l’Accademia dei Bronzi (Beatrice Biamonte, Caterina Gigliotti, Massimo Mancuso) mentre altri (Lia Antonini, Mimma Gallelli, Maria Iofalo, Alfredo Leonardo, Francesca Loricchio) possono essere considerati dei “veterani” per la loro continua adesione alle iniziative accademiche. Uno spazio alla memoria è stato dedicato a Salvatore Codamo, poeta e pittore del quartiere Lido, scomparso a soli 41 anni. Tra i soci dell’Accademia dei Bronzi spicca Ugo Rosanò, autore di una bella opera raffigurante la “Torre Cavallara”, “antico rudere di notevole rilievo – ha scritto la giornalista Elisa Giovene – che molti conoscono, ma che tanti ignorano”.

Ursini conclude porgendo un ringraziamento al dirigente scolastico don Titta Scalise “per l’accurata revisione delle bozze” e a tutti i partecipanti “per aver inviato opere di ottimo livello”.

“Il libro, – sottolinea – con i commenti appropriati di Maria Concetta Giorgi, rappresenterà davvero una bella pagina di arte e poesia nel variegato panorama della cultura contemporanea. Lo testimonia il fatto che sono presenti due vincitori assoluti delle scorse edizioni del premio Alda Merini, Selene Pascasi e Franco Migliaccio, unitamente ad altri poeti entrati nella rosa dei cinque finalisti. Tutto ciò senza contributi pubblici e senza chiedere alcuna tassa di adesione agli  partecipanti”. Un altro “miracolo” editoriale di Vincenzo Ursini.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

una Risposta a Concorso promosso dall’Accademia dei Bronzi: il Premio “Mattia Preti” a Giuseppe Galati

  1. Donato LEO Rispondi

    8 Aprile 2020 at 17:43

    Grazie al Presidente Ursini ed alla Giuria, che per l’ennesima volta, hanno voluto premiare le mie poesie.Sono onorato di far parte di questa grande famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *