Crotone, feriti due agenti di Polizia Penitenziaria da detenuto affetto da patologie psichiatriche: interviene Garante comunale

smart

Vicinanza  e solidarietà agli agenti di Polizia Penitenziaria per  ferimento  in carcere

Appresa la notizia dell’aggressione e del ferimento,  subìta da due agenti di Polizia Penitenziaria, in servizio presso la Casa Circondariale di Crotone, da parte di un detenuto affetto da patologie psichiatriche, desidero manifestare  rammarico per il grave accadimento e  vicinanza istituzionale al Comando di Polizia in servizio a Crotone.

Condividendo le preoccupazioni espresse dal sindacato “Polizia e Giustizia”, per il tramite del proprio segretario nazionale,   occorre in ogni caso evidenziare che queste vicende ci ricordano la gravissima carenza di strutture sanitarie penitenziarie  idonee, in special modo  nella nostra realtà regionale e locale: più volte come  autorità di garanzia sulla libertà personale siamo intervenuti, con i colleghi territoriali,  in merito al  delicato tema della sanità in  carcere, e ad oggi dobbiamo registrare, con rammarico,  che permangono drammaticamente le carenze di posti e strutture per detenuti affetti da seri disturbi e patologie psichiatriche che necessitano strutture trattamenti adeguati alle patologie in essere.  Attualmente in Calabria vi sono soltanto due REMS Residenze per l’esecuzione delle Misure di Sicurezza per detenuti dichiarati incapaci di intendere  e socialmente pericolosi.

Scarseggiano anche strutture psichiatriche specializzate per trattamenti penitenziari.

Auspico che le Istituzioni politiche e amministrative si adoperino al più presto per intervenire onde risolvere le criticità da  tempo segnalate.

E’ quanto afferma il Garante dei detenuti di Crotone, Federico Ferraro.