...


Il 20 gennaio, Azione Identitaria davanti all’Ospedale di Crotone, per dire “SI alla vita, NO alla 194”

Nel corso del presidio verrà distribuito materiale informativo per sancire il diritto alla vita ed il rispetto alla dignità di donna, calpestato da una legge travestita da “libero arbitrio”

La Redazione

Crotone, venerdì 19 gennaio 2018.

Il 20 gennaio, Azione Identitaria davanti all’Ospedale di Crotone, per dire SI alla vita, NO alla 194Sabato 20 gennaio, dalle ore 10 alle ore 12, il movimento Azione Identitaria sarà presente a Crotone, davanti l’ospedale “S. Giovanni di Dio”, per dire “SI alla vita, NO alla 194”.
Nel corso del presidio verrà distribuito materiale informativo per sancire il diritto alla vita ed il rispetto alla dignità di donna, calpestato da una legge travestita da “libero arbitrio”.
Negli ultimi 40 anni, infatti, dai vari Governi che si sono succeduti nessun provvedimento è stato adottato per promuovere il diritto alla vita ed il diritto ad essere madre ma, piuttosto, e soprattutto ultimamente, si promuove la morte come diritto e si investono energie e risorse per questo, ignorando volutamente la totale assenza di politiche sociali dignitose e la grave crisi demografica, conseguenza di una crisi economica che pesa solo sugli “ultimi”.
Abbiamo constatato che nessun partito, sia di centrodestra che di centrosinistra né dei finti rivoluzionari a 5 stelle, prevede nei propri programmi l’abolizione della legge 194, una legge primitiva che nulla ha a che vedere con la libertà della donna.
Il nostro appello alla partecipazione si rivolge anche a tutti i movimenti e partiti che condividono con noi l’idea che il diritto alla vita debba essere difeso ed incentivato con adeguate misure economiche e sociali, e che, come noi di Azione Identitaria, credono che sia ora di abbattere il credo che la morte (imposta come unica scelta) sia espressione di libertà.
E’ quanto ci comunica Paola Turtoro, Portavoce regionale di Azione Identitaria Calabria.

12 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *