...


Torri costiere, perche’ non tutelarle?

Oggi sono strutture abbandonate all’ingiuria del tempo e degli uomini

Mimmo Stirparo

CROTONE, sabato 29 Dicembre 2012.

Torre Vecchia a Cirò Marina

La provincia di Crotone, in quanto a Beni Culturali, non è solo Area archeologica di Capo Colonna o i tanti giacimenti krotoniati sparsi un po’ dappertutto nel capoluogo e non fruibili dagli studiosi e dai turisti, vi è dell’altro. Nel territorio esistono, infatti, tracce che testimoniano eventi ed epoche vissuti dalla nostra regione e che come tali dovrebbero essere tutelate e trasmesse alle future generazioni per consolidare la propria identità. A tutti sono note le torri di guardia fatte erigere intorno al XVI sec. dal Vicereame spagnolo sulle alture costiere al fine di fronteggiare le frequenti e talvolta devastanti incursioni saracene. Tra le tante ricordiamo le torri nelle terre di Isola Capo Rizzuto, quali: quella di Bugiafaro, della Santa Barbara, del Concio o San Pietro, Torre Cannone, la Torre Vecchia e Nuova, la Torre del Telegrafo e quella di Rijtani; la Torre Nao a Capo Colonna; la cosiddetta Turra nei pressi del cimitero a Cutro, la torre della Marina di Strongoli e Torre Nova e Madonna di Mare su Cirò Marina ed altre.

Sono strutture abbandonate all’ingiuria del tempo e degli uomini ed oggi alcune appaiono semidistrutte e qualcuna, addirittura, inglobata in uno stabile privato non più in uso. C’è da dolersi davvero che nessuno finora si sia interessato concretamente di tali testimonianze della nostra storia, vetuste sentinelle della nostra libertà. Per evitare la loro costante e continua distruzione, perché non restituirle all’interesse culturale della collettività, naturalmente previo un opportuno intervento di restauro conservativo, come si è fatto per il Torrione aragonese di Torre Melissa? Perché non inserirle in un progetto organico di tutela del patrimonio storico locale, prevedendo anche appositi percorsi storico – culturali attrezzati? Oltretutto le nostre torri ricadono tutte nel territorio prospiciente la Riserva Marina di Capo Rizzuto. Stesso interesse e tutela, perché no!, meriterebbero le numerose postazioni tedesche sparse nello stesso territorio fin sulla spiaggia e qualcuna nei fondali, residui del secondo conflitto mondiale e voce di una triste epoca. Andrebbero recuperate, queste, e valorizzate a scopo culturale, quali testimonianze, per i giovani, del difficile cammino compiuto dai nonni o bisnonni per la conquista della libertà e della pace.

image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

una Risposta a Torri costiere, perche’ non tutelarle?

  1. Saverio De Bartolo Rispondi

    18 Gennaio 2013 at 23:23

    Mimmo, il tuo interesse per le torri costiere mi trova d’accordo. Conosco molto bene le torri del territorio di Ciro’ e non manco di andare a vedere il luoghi in cui sorgono quando torno al mio paese d’origine. Puoi immaginare il mio disappunto nel vedere lo stato in cui si trovano. Se si lasciano in queste condizioni fra qualche anno si troverà un mucchio di rottami. Mi chiedo come possa essere che la torre vicina ai Mercati Saraceni, ristrutturati da tempo, possa risultare in quelle condizioni,quando la torre fa parte dello stesso sito. Si può sperare che accanto ai finanziamenti per il ricupero del tempio di Apollo Aleo, che si trova nello stesso territorio, ci siano anche quelli per le torri costiere. Sarebbe una cosa sacrosanta per le genti del territorio e per il turismo di cui si auspica lo sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *