Oscar 2015, tra preparativi e ironia