...


UGL Scuola, Cuzzupi: “dopo il personale sanitario si vaccini quello scolastico”

La nota del Segretario Nazionale Federazione Nazionale UGL Scuola, Ornella Cuzzupi

La Redazione

Roma, martedì 12 Gennaio 2021.

In una situazione complessivamente drammatica, in cui l’Esecutivo appare più preoccupato a evitare di formalizzare un’ormai evidente crisi in atto e scollamento dal Paese, la questione pandemia si avvita su se stessa con provvedimenti confusi ed effetti disastrosi. A tal proposito basta citare la situazione a cui si è stati costretti ad assistere ieri per le vaccinazioni del personale sanitario nel capoluogo campano.
Proprio su questi, il Segretario Nazionale UGL Scuola, Ornella Cuzzupi, è intervenuto affermando: “È incomprensibile come un momento di drammaticità per il Paese si sia trasformando in un sequel dagli aspetti tragicomici per colpa di una palese incompetenza. Non vi è, in tutto il periodo coronavirus, una linearità nelle decisioni e, soprattutto, mai si è stati coerenti con quanto affermato. La scuola è l’esempio più lampante e tragico. Tutti, nessun escluso, riconoscono l’importanza della didattica in presenza, ma le azioni assunte per garantire la sicurezza sono tutte di limitato rilievo e improntate su una dialettica sensazionalistica ma scarsa di significato pratico. Della necessaria sicurezza nell’ambito scolastico non vi è traccia, tanto è che la maggior parte dei Presidenti di Regione ha ritenuto opportuno far ulteriormente slittare l’apertura scolastica in presenza. Sì, perché pare che si voglia sottacere l’enorme lavoro fatto da tutto il personale scolastico per garantire la funzionalità della scuola anche con la didattica a distanza. Il Ministro continua invece ad affermare e a decantare situazioni che esistono solo nella sua fantasia, il mondo reale invece è ben diverso. Tra l’altro, in un’ottica di favorire la ripresa della scuola con gli alunni in classe, occorre – senza un attimo di ritardo – definire come dopo il personale sanitario vada prevista la vaccinazione volontaria del personale scolastico. Non è possibile – continua Cuzzupi – pensare che una volta entrati in classe il virus non si diffonda per disposizione divina. Dunque un primo passo verso una lenta “normalizzazione” non può prescindere dal dare l’opportunità di vaccinazione al personale Docente, agli ATA e a quelli che interagiscono in maniera diretta all’interno degli istituti”.
Una posizione, dunque netta e senza dubbi quella della Federazione UGL Scuola: “La mia Organizzazione – insiste il Segretario Nazionale – ha sempre avuto chiaro il da farsi: per riprendere in maniera definitiva e completa la didattica in presenza occorre che siano assicurati elementi certi di sicurezza per i lavoratori e studenti. Questo non può che prevedere una linea preferenziale e immediata per le vaccinazioni del personale scolastico. Aspettare i mesi estivi significherebbe assumersi una responsabilità tremenda che porterà l’UGL ad azioni ben più dure nelle sedi opportune”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *