Strongoli e la mancata erogazione dei buoni spesa: “l’Amministrazione Bruno ignora le interrogazioni a risposta scritta”

Nel decreto “Ristori Ter”, approvato dal Consiglio dei ministri il 20 novembre scorso, è stato istituito presso il Ministero dell’Interno un nuovo fondo di 400 milioni per la solidarietà alimentare.
Al Comune di Strongoli, come disposto dall’art. 2 del decreto-legge 23 novembre 2020 n. 154 recante “Misure finanziarie urgenti connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19”, sono state assegnate somme pari a circa 66.000 sessantaseimila euro per aiutare le famiglie in difficoltà e garantire sostegno ai soggetti maggiormente colpite dal periodo pandemico, sia dal punto di vista sanitario quanto economico e sociale.
In data 18 febbraio 2021, considerato che il termine di presentazione ultimo di scadenza era il 31 Gennaio 2021, i consiglieri del gruppo Consiliare “ Strongoli Ora”, con INTERROGAZIONE A RISPOSTA SCRITTA PER EROGAZIONE BUONI SPESA EMERGENZA COVID-19 hanno interpellato il Sindaco Sergio Bruno e la Giunta sulla suddivisione del fondo previsto, sulla graduatoria dei beneficiari e sulle tempistiche di erogazione dei BUONI SPESA.
“Alla data odierna, 16 Marzo 2021, nessuna risposta è pervenuta da parte dell’Amministrazione Comunale” dichiarano i Consiglieri Greco e Sirianni.
“Crediamo che i nostri concittadini meritino maggiore rispetto da parte dell’amministrazione comunale, soprattutto quelli che hanno vissuto maggiori difficoltà a causa della pandemia. Nonostante questo tesoretto sia da tempo nelle casse del Comune, l’Amministrazione Comunale non ha reso nota l’istruttoria ne ha dato spiegazioni circa gli evidenti ritardi nonostante le nostre richieste ufficiali.
È una vera VERGOGNA” continua la nota “Strongoli non merita questo!”.
I Consiglieri Comunali Ferdinando Greco e Francesco Sirianni del Gruppo Consigliare “Strongoli Ora” rinnovano la promessa ai concittadini: continueranno a svolgere con scienza e coscienza il compito a loro assegnato.