...


Coldiretti, Ettore Prandini eletto presidente nazionale: il suo primo pensiero è andato al mezzogiorno d’Italia

Aceto: siamo al tuo fianco e lavoreremo con sempre maggiore determinazione

La Redazione

Catanzaro, venerdì 09 novembre 2018.

Ettore Prandini, 46 anni, lombardo con tre figli, laureato in giurisprudenza è il nuovo Presidente nazionale di Coldiretti. E’ stato eletto all’unanimitĂ  dall’Assemblea dei delegati di tutte le regioni riunita presso Palazzo Rospigliosi a Roma. Insieme al presidente Regionale Franco Aceto, all’assemblea hanno  partecipato i dirigenti della Coldiretti della Calabria.  Nel suo indirizzo di saluto dopo l’elezione il neo-presidente nazionale ha rivolto parole di grande attenzione e di personale impegno per  Sud Italia che – ha detto – “ha capacitĂ , uomini e possibilitĂ  di straordinario valore e questo trova riscontro nella crescita dell’agricoltura e dell’agroalimentare e di quanto stanno facendo moltissime nuove imprese condotte da giovani nate nel settore agricolo. Lo sviluppo del sud deve rafforzarsi ed essere stabile  consolidando i tassi di crescita verso l’alto.  In un momento così importante con sfide e cambiamenti per il nostro Paese, l’agroalimentare Made in Italy rappresenta una certezza da cui partire per far crescere economia ed occupazione ma anche per tutelare l’ambiente, il territorio e la sicurezza dei cittadini” ha spiegato il Presidente di Coldiretti Ettore Prandini aggiungendo “Gli agricoltori stanno facendo la loro parte ma possiamo e dobbiamo dare di piĂą creando le condizioni per garantire reddito alle imprese, rilanciando un sistema in grado di offrire prezzi piĂą giusti alla produzione, meno burocrazia e maggiore competitivitĂ , a partire da una politica di accordi di libero scambio che non penalizzino i nostri prodotti a livello internazionale fino a una legge comunitaria per l’etichettatura d’origine che garantisca vera trasparenza e libertĂ  di scelta ai consumatori.”. Il Presidente Regionale Aceto ha rivolto un ringraziamento al presidente Prandini per l’attenzione particolare che dedicherĂ  al sud e Coldiretti Calabria – ha continuato – proseguirĂ  lavorando con sempre maggiore determinazione al suo fianco”.  Nello speciale approfondimento sui danni del maltempo degli ultimi giorni effettuato dalla speciale task force della confederazione, è stato confermato che l’olivicoltura è il settore che ha subito quest’anno piĂą di tutti gli effetti del cambiamento climatico con l’ultima ondata di maltempo.

35 visite 



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *