...


Football Americano: Trappers Cecina vs Mida Achei Crotone 52-48

Termina la stagione dei Mida Achei Crotone contro i Trappers di Cecina

La Redazione

, giovedì 13 Giugno 2019.

Termina la stagione dei Mida Achei Crotone contro i Trappers di Cecina, in un frenetico Quarto di finale di Conference sud segnato da un continuo ribattere di touchdown, che non consegna mai la sicurezza del risultato a nessuna delle due compagini, se non al triplice fischio finale con la palla ad una yard dalla endzone per gli Achei.
Gli Achei iniziano recuperando subito la segnatura dei Trappers, al 1° gioco del drive il gioco di coach Pizzuti è perfetto: solita formazione chiusa da power-football, con conseguente aggiustamento degli avversari, ma apertura dei wr downfield, e perfetta è l’esecuzione dei giocatori in campo col TD pass di Falbo per le 49 yards di Persico.

E dopo un 4 e out degli avversari gli Achei di nuovo a segno e di nuovo al secondo gioco del 2° drive stessa connection Falbo – Persico per 50 yards di TD. 14 a 7 per gli Achei. Da questo punto in avanti le due squadre si alternano nel condurre il match ma sono gli ultimi secondi di partita che hanno rappresentato l’essenza del match intero.
Trappers 52 – Achei 48, 3 time-out disponibili, 12 secondi al termine del match, palla ritornata dal solito Anthony Brugnano, che cade in mezzo al campo: l’HC Pizzuti blocca lo scorrere del tempo con il primo time-out con la palla sulle 30 yards. Passaggio completo su Fofò De Gennaro, da parte del brillante Falbo, time-out Achei, palla ora sulle 45.

Altro pass, incompleto ma c’è una penalità, gli Achei avanzano di 5y. Sette secondi alla fine del match, i cornerback dei Trappers sono lunghissimi in attesa del prevedibile lancio lungo in zona di meta per il tutto per tutto finale. La linea regge ma un Defensive End avversario entra, Falbo fa la solita roll-out sulla destra, cerca il suo uomo, ne vede ben due in profondità, seppur marcatissimi. Lancia la bomba, la direzione è quella giusta per imbeccare il ricevitore Milano alla fine della sua traccia.
Palla ricevuta in acrobazia, Milano cade per terra ad una yard dalla linea di meta, l’azione si ferma. Dalla panchina tutto il coaching staff si sbraccia nel tentativo di chiamare l’ultimo time-out disponibile, ma l’arbitro fischia tre volte decretando così la fine della partita.
Questi ultimi 13 secondi di partita sono il sunto di un match spettacolare, un botta e risposta che ha visto contrapporsi due squadre con un livello tecnico potremmo dire alla pari, scontro da cui padroni di casa econo da vincitori con meno di un touchdown di scarto, sancendo così la fine della stagione per i Mida Achei Crotone.

Una partita che ha visto brillare l’attacco crotonese con un gioco aereo che ha prodotto 438 yards, un po’ meno efficace il gioco di corsa, con sole 41 yards di guadagno per un totale di 7 touchdown segnati.
Prestazione da urlo per Fofò De Gennaro, che segna 3 touchdown con 213 yards ricevute e per Salvatore Persico, con 2 touchdown e 144yards ricevute.
Difesa Achea sempre sul pezzo, con un eccellente Filice che mette a segno ben 9 placcaggi, insieme al solito Perri che ne chiude altrettanti.

Francesco Pizzuti HC e Offensive coordinator: “E’ stato un onore allenare i nostri ragazzi. Ed è stato un privilegio vedere crescere partita dopo partita la consapevolezza delle proprie potenzialità tecniche ; poter leggere nei loro volti la convinzione che nessun traguardo è impossibile ; testare il maturare della fiducia reciproca ; e infine constatare che i risultati tecnici sono innanzitutto il prodotto dei fattori di cui sopra.
E’ stato un percorso duro ma pieno di soddisfazioni e li ringrazio per ciò che tutti loro e ciascuno di essi ha insegnato a me e che è molto più del percorso tecnico che abbiamo affrontato insieme.
Sulla partita coi Trappers penso che non possiamo rimproverarci nulla: siamo andati a segno per primi e con azioni fulminee; abbiamo concluso in TD quasi tutti i drive giocati; abbiamo guidato in vantaggio per larga parte dell’incontro e subito la rimonta solo negli ultimi secondi di gioco; ci siamo rifatti tutto il campo in soli 12 secondi arrivando a 1 yard dalla linea di meta e solo il cronometro ha impedito la nostra vittoria.
Ci sarebbe bastato un solo altro secondo e, molto probabilmente, staremmo parlando di un altro risultato; ma è il football: a volte sono centimetri, a volte secondi, ma è giusto così ed è bello anche per questo. Grazie a tutti, Ragazzi. “

Francesco Caruso, Defensive Coordinator: “Una conclusione di stagione che nulla ha da rimproverare ai ragazzi, combattivi e maturi….mai hanno mollato
E devo dire che, anche se l’inizio di regular season è stato lento, le ultime partite sono state tra quelle piĂą avvincenti e belle della mia carriera, ma a questo punto Unico rammarico meritavamo di piĂą come l’ultimo tentativo e una manciata di secondi, al fine di accedere meritatamente ai quarti di finale .
Un bagaglio in più per il prossimo anno che arricchisce un Team storico come il nostro ed allo stesso tempo nuovo e dinamico grazie al movimento creato nella nostra città in favore della nostra squadra.”

Umberto Bruno, Special Team Coordinator:
“Per come era cominciata la stagione, le 2 partite di playoff sono state tanta roba, ma si rimane sempre con l’amaro in bocca quando si perde, anche dopo una grande prestazione, contro una grande squadra come i Trappers. Abbiamo pagato una regular season fatta a livelli che non rispecchiano le potenzialitĂ  messe in campo in post season. Il successo ai playoff è figlio di qualificazione.”

Francesco Perri, #50: “Abbiamo dato il massimo, il risultato la dice lunga. Fieri di noi stessi, abbiamo perso a testa alta.
Questa era una di quelle partite da dover vincere, ma il football è anche questo.
Una manciata di secondi, qualche yard in più o in meno e tutto può cambiare.
Onore ai Trappers, ma sempre e solo GO ACHEI!”

Salvatore Persico, #88: “Una partita bellissima per lo spettacolo, un po meno per noi per il punteggio. Ennesima prova di forza per noi, che solo il tempo ha potuto fermare. Come disse vince lombardi: “non abbiamo perso il match, ma è solo finito il tempo!”

Messa da parte l’amarezza per una sconfitta di centimetri, gli Achei continueranno ad allenarsi per i successivi impegni con la palla ovale. Il senior team di flag football, maschile e femminile, sarà impegnato, infatti, nel campionato di seconda divisione che partirà subito dopo il superbowl 2019.



image_print
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *